Quelle sere che.

Mio marito e io stiamo organizzando un viaggio negli USA, che sarà le nostre ferie estive (ammesso che la nuvoletta di Fantozzi che ci stiamo portando appresso da qualche settimana non ci impedisca di partire).
Gireremo un po’ tra la zona di Cape Cod, dove abbiamo dei conoscenti, e Boston, dove lui ha un impegno di lavoro, e ovviamente stiamo prenotando gli hotel via web.

Stasera ho avuto la brillante idea di dire a mio marito: “Ehi, ho controllato le ultime recensioni dell’hotel a Boston … Un sacco di gente scrive che ci sono i bed bugs!”

“Cosa?”

“Cimici. Cimici dei letti. Bleah.”

“Beh, troviamone un altro!”

Ora: il mondo non lo sa, ma mio marito e io siamo dei trend setter. È palese.
Quando noi compriamo una macchina nuova, tutti si comprano quella macchina (la Dacia deve a noi il picco delle vendite che ha avuto attorno al 2010, per esempio); se noi ci muoviamo in una direzione, tutti vanno in quella direzione; se noi andiamo in una città, il mondo si riversa in quella città.
Pare incredibile, ma negli stessi giorni in cui noi saremo a Boston, ovviamente tutto il mondo sarà a Boston – quindi gli unici hotel con disponibilità sono quelli che costano un macello. Ma un macello forte.

Io non mi scoraggio, però. E sono avanti: “Ho trovato una bella stanza in Airbnb, molto centrale e con belle recensioni”.

E così ho trascorso le ultime due ore a tentare di fare una prenotazione su Airbnb – ma sto infilando un errore dietro l’altro, e una difficoltà dietro l’altra, come se si trattasse di una gimkana, e non dell’organizzazione di un soggiorno. Ed è probabile che mi stiano addebitando comunque una montagna di costi di gestione per le pratiche.
Ditemi quello che volete, ma per me l’interfaccia di Airbnb non è affatto user friendly. Oppure io sono davvero anziana, come insinua la mia dolce metà.

Comunque sia, sta di fatto che questa cosa forse mi impedirà di scrivere il solito post per la sfida dei trenta giorni. Che nervi. Ad un giorno dalla conclusione. Ah, chi l’avrebbe mai detto, che avrei mancato il traguardo proprio quando era a portata di mano … Peccato. E buonanotte a tutti.

[Per chi si chiedesse come sono fatti i “bed bugs”, ecco qui la pagina di Wikipedia. Solo per stomaci forti…]

image

 

5 pensieri su “Quelle sere che.

  1. Mai scoraggiarsi!
    In fondo organizzare un viaggio, anche se a volte diventa faticoso, è un po’ come “pregustarlo”.
    Per quanto riguarda il fatto del trend setter… non sarà che notiamo di più quello a cui facciamo caso? Anche io quando, anni fà, ho comprato l’auto nuova mi pareva che tutti l’avessero comprata uguale alla mia!!
    Ciao, buone vacanze.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...