Assonnati cronici

sleepy koala

Ero solito dire che il sonno è il terzo pilastro di una buona salute, accanto a dieta e attività fisica“, spiega Matthew Walker, docente di neuroscienze e psicologia all’Università di Berkeley. “Ma non lo penso più. Dormire è in assoluto la cosa più efficace che possiamo fare per garantire la salute del nostro corpo e della nostra mente“.

L’articolo da cui è tratta questa citazione è davvero interessante, e merita lo sforzo di essere letto (è in inglese).

A partire dalla mia personale esperienza, direi che viviamo in un mondo di morti di sonno, letteralmente. Dormiamo tutti troppo poco, non c’è niente che ci aiuti ad acquisire (o a ritrovare) una sana routine per il nostro riposo.

Pensiamo alla programmazione televisiva, tanto per fare un esempio: l’orario d’inizio del prime time si è spostato, negli ultimi anni, dalle 20:30 alle 21:30 circa – e, tra interruzioni pubblicitarie e lunghezza “fisiologica” di film e programmi, il più delle volte il programma di prima serata finisce attorno a mezzanotte.

Quello che non è cambiato, però, è l’inizio delle principali attività diurne: gli orari lavorativi, per intenderci, o meglio ancora quelli della scuola.

Il ragazzino o la ragazzina che guarda un film o un programma tipo “Amici”, ammesso che subito dopo vada a dormire senza fare soste sui social media (spoiler: è praticamente impossibile), chiude gli occhi dopo mezzanotte, ma la mattina seguente deve comunque essere sui banchi di scuola alle otto e un quarto: se tutto va bene dorme 6 ore, contro le otto e mezza che sarebbero salutari per i cervelli giovani.

Quanto potrà restargli in mente, delle lezioni che vedrà passare davanti ai suoi occhi a mezz’asta, durante la lunga giornata che segue una notte tanto breve?

Poco male, perché tanto davanti a sé avrà degli insegnanti adulti che hanno dormito anche meno di lui (e che hanno molti meno neuroni…), e magari hanno guidato per arrivare al lavoro, portandosi dietro il loro carico di sonno come una bomba innescata – lo fanno ogni giorno milioni di lavoratori, nel nostro Paese come nel mondo. Lo faccio anch’io.

leoni che dormono

Soluzioni?

Per me, si dovrebbe cominciare col cambiare il linguaggio: “chi dorme non piglia pesci” è una pericolosa inesattezza.

Chi non dorme, di fatto, non piglia pesci: piglia ansia, malattie, e persino un’aspettativa di vita più breve.

Nei secoli passati, il sonno era visto come una benedizione, celebrato dai poeti e dai pensatori, come spiega un altro neuroscienziato, Russell Foster, in un bellissimo Ted Talk del 2013. Per qualche ragione, oggi, il sonno è disprezzato almeno tanto quanto è agognato: chi dorme molto è un “dormiglione”, non una persona che ha a cuore la propria salute fisica e mentale. Forse dovremmo riconsiderare questa definizione.

Poi, forse, potremmo rivedere un po’ i ritmi delle nostre vite.

A cominciare dal prime time televisivo (restituiteci quell’ora in più), per dire, ma soprattutto dalla pretesa di avere qualsiasi servizio (fisico) disponibile ventiquattr’ore su ventiquattro: vada per un pronto soccorso, ma supermercati e palestre, per esempio, non sono strutture indispensabili nel cuore della notte. Il sonno lo è.

In attesa di portare a compimento – o anche solo iniziare – questa indispensabile rivoluzione per il sonno, sarebbe bello anche riconoscere il diritto a farsi un power nap, al lavoro o a scuola: un riposino veloce per superare i momenti di crisi e affrontare con slancio ed energia anche la più impegnativa delle lezioni o la più noiosa delle riunioni pomeridiane – se non addirittura per conservare abbastanza lucidità da non convocare una noiosa riunione pomeridiana…

Questo è un piano di battaglia, e non si faranno sconti.
Chi vuole aggregarsi, può cominciare subito: con una pennichella.

sleepy kitty

Due ricordi.

Ogni tanto i miei pensieri imboccano strade strane, senza che ce li abbia indirizzati io. Un paio di giorni fa, chissà perché, mi sono tornati in mente due episodi che coinvolgono mio padre: la sequenza in cui mi sono tornati alla memoria mi ha fatto pensare che, sotto sotto, ci fosse un messaggio proprio per me.

Il primo episodio è quasi una leggenda, direi. Ne ho sentito parlare ancora prima che papà morisse, quasi trent’anni fa, ma non ho mai avuto modo di chiedergli se fosse vera, e quanto. Conoscendo lui, potrebbe essere vera del tutto. Continue reading “Due ricordi.”

La Regina degli Obiettivi Mancati

ales-krivec-2859

31.536.000 secondi.

Tradotti in minuti, fanno 525.600.

Se trasformiamo i minuti in ore, ne avremo ben 8.760.

Che corrispondono a 365 giorni, i quali a loro volta formano un anno: tipo quest’anno, il 2017.

Un anno è un bel po’ di tempo, considerato in questo modo. È come avere davanti un quaderno vuoto, con trentun milioni di righe distribuite in trecentosessantacinque pagine: un tomo notevole. Continue reading “La Regina degli Obiettivi Mancati”

Il silenzio degli innocenti.

Il silenzio degli innocenti.

Tanti anni fa, mi è capitato di accompagnare in pronto soccorso mia cognata con la figlia più piccola, che allora aveva pochi mesi, perché mio fratello era lontano da casa, e la bimba piangeva e scottava.
La diagnosi fu: disidratazione – il latte della mamma, pur essendo apparentemente abbondante, non era abbastanza nutriente, o qualcosa del genere. Bisognava attaccarla ad una flebo, per reidratarla. Le infermiere armeggiarono per diversi minuti con quelle braccia minuscole, senza riuscire a trovare una vena, mentre la bambina piangeva disperata per via dell’ago e del malessere. Poi, ad un certo punto, smise di lamentarsi e continuò a fissare le infermiere con gli occhi sgranati ed increduli, mentre le lacrime le rigavano il viso, in un silenzio assordante: l’immagine della paura e della rassegnazione. Continue reading “Il silenzio degli innocenti.”

L’ultimo post.

Con questo post, concludo la mia sfida dei trenta giorni.

Mi sono chiesta a lungo quale argomento scegliere per la conclusione ufficiale dell’impresa, e avevo in bozza tre post: il prossimo della categoria “cucina sentimentale per dummies”, uno sull’amore, e uno sul potere dei chilometri.
Ma alla fine credo che sia più corretto fare una specie di bilancio di questa esperienza, cercando di capire se mi è servita a qualcosa, e a cosa. Continue reading “L’ultimo post.”

Quelle sere che.

Mio marito e io stiamo organizzando un viaggio negli USA, che sarà le nostre ferie estive (ammesso che la nuvoletta di Fantozzi che ci stiamo portando appresso da qualche settimana non ci impedisca di partire).
Gireremo un po’ tra la zona di Cape Cod, dove abbiamo dei conoscenti, e Boston, dove lui ha un impegno di lavoro, e ovviamente stiamo prenotando gli hotel via web.

Stasera ho avuto la brillante idea di dire a mio marito: “Ehi, ho controllato le ultime recensioni dell’hotel a Boston … Un sacco di gente scrive che ci sono i bed bugs!”

“Cosa?”

“Cimici. Cimici dei letti. Bleah.”

“Beh, troviamone un altro!”

Ora: il mondo non lo sa, ma mio marito e io siamo dei trend setter. È palese.
Quando noi compriamo una macchina nuova, tutti si comprano quella macchina (la Dacia deve a noi il picco delle vendite che ha avuto attorno al 2010, per esempio); se noi ci muoviamo in una direzione, tutti vanno in quella direzione; se noi andiamo in una città, il mondo si riversa in quella città.
Pare incredibile, ma negli stessi giorni in cui noi saremo a Boston, ovviamente tutto il mondo sarà a Boston – quindi gli unici hotel con disponibilità sono quelli che costano un macello. Ma un macello forte.

Io non mi scoraggio, però. E sono avanti: “Ho trovato una bella stanza in Airbnb, molto centrale e con belle recensioni”.

E così ho trascorso le ultime due ore a tentare di fare una prenotazione su Airbnb – ma sto infilando un errore dietro l’altro, e una difficoltà dietro l’altra, come se si trattasse di una gimkana, e non dell’organizzazione di un soggiorno. Ed è probabile che mi stiano addebitando comunque una montagna di costi di gestione per le pratiche.
Ditemi quello che volete, ma per me l’interfaccia di Airbnb non è affatto user friendly. Oppure io sono davvero anziana, come insinua la mia dolce metà.

Comunque sia, sta di fatto che questa cosa forse mi impedirà di scrivere il solito post per la sfida dei trenta giorni. Che nervi. Ad un giorno dalla conclusione. Ah, chi l’avrebbe mai detto, che avrei mancato il traguardo proprio quando era a portata di mano … Peccato. E buonanotte a tutti.

[Per chi si chiedesse come sono fatti i “bed bugs”, ecco qui la pagina di Wikipedia. Solo per stomaci forti…]

image

 

Undisclosed recipients (ovvero: ma anche no)

Undisclosed recipients (ovvero: ma anche no)

>> Ciao

ti scrivo per raccontarti di ******, la prima piattaforma europea che distribuisce contenuti brandizzati in tutti i principali social media.

Attraverso i nostri social publisher è possibile pianificare una campagna social come un vero e proprio media con l’obiettivo di creare engagement con gli utenti online.  Continue reading “Undisclosed recipients (ovvero: ma anche no)”